Danze coscienti e danze sacre di Gurdjieff a Bologna – 14 aprile 2018

Un percorso per riscoprire la presenza dell’essere, per acquisire maggiore consapevolezza del corpo, della mente e delle emozioni, e per aiutarci a lasciar andare gli automatismi, riportandoci all’essenza della nostra natura più profonda.

La Quarta Via di George Ivanovich Gurdjieff

Di tanto in tanto, nelle ere ma anche col trascorrere dei secoli, appare sul pianeta qualche essere incaricato di portare la conoscenza in una parte di mondo. Uno di questi personaggi, uno fra i più controversi, ha portato una forma di conoscenza adatta al mondo contemporaneo chiamandola Quarta Via. Questa dimensione spirituale può essere considerata al pari di un sincretismo delle prime tre: la prima, ovvero quella del Fachiro, la seconda ovvero quella del Monaco, la terza, quella dello Yogi.
Lo studio della quarta via proposto da George Ivanovich Gurdjieff è prevalentemente imperniato sulla danza, ritenuta, quando è studiata a un livello consapevole, strumento incredibile di auto-coscienza e realizzazione di sè.

Cosa faremo durante il seminario

Il percorso prevede lo studio di Danze Sacre, ma anche esercizi ed esperimenti tratti direttamente da questo enorme contenitore dal quale trarre conoscenza, benessere, consapevolezza con lo scopo ultimo di realizzare la nostra vera natura.
Di volta in volta si studierà una danza e ne verrà introdotta una seconda di livello superiore in modo da creare un continuum di studio che possa rappresentare un punto di riferimento per il ricercatore, che attraverso le Danze Sacre e le Danze Coscienti, ma anche attraverso un percorso legato alle rotazioni Dervish potrà viaggiare verso la conoscenza del proprio sistema Razionale Emozionale Istintuale in perfetta autonomia.

Perchè Danze Sacre e Tango?

Per chi già balla il tango, praticare le danze sacre e danze coscienti è utile per:

  • aumentare in maniera incredibile il livello di presenza all’interno del ballo, ovvero liberare la mente ed essere pienamente nel quì e ora
  • lavorare sulla coordinazione dei due emisferi cerebrali, sviluppando una più forte connessione tra di essi
  • migliorare l’equilibrio corporeo (cervello rettile)
  • aumentare la capacità improvvisativa (cervello neo-corticale)
  • migliorare la capacità di connessione emotiva (cervello limbico)

Necessario abbigliamento comodo e di colore bianco, calzini compresi. Si pratica senza scarpe, con calzetti o a piedi nudi.

Conduce il Maestro: Giuseppe Lotito

Quota partecipazione: 50 euro (per chi non è socio Olitango AICS nella quota di 55 euro sarà ricompresa anche la tessera associativa). NECESSARIA PRE-ISCRIZIONE ENTRO mercoledì 11 aprile con versamento caparra pari alla metà della quota e con invio del proprio nome e cognome tramite email (info@olitango.it) o sms (3394734113).

Come raggiungerci: Via Berretta Rossa 61/3, Bologna (suonare il volo e salire al primo piano). Linee Bus dalla stazione centrale: n° 33 (scendere a Porta San Felice) e cambiare con n° 13 (scendere a Prati di Caprara), seguono 9 min. a piedi – oppure bus 91 (seguono 8 min. a piedi) – oppure bus 87  (seguono 8 min. a piedi). Calcolare circa 25 minuti in totale dalla stazione alla sede prendendo gli autobus.

 

Seminario di TangoOlistico sull’Amore a Bologna – 17 febbraio 2018

L’opposto dell’amore non è l’odio, ma è la paura. Quando ami ti espandi, quando hai paura ti ritiri. Quando ami ti apri. Quando hai paura ti chiudi. Quando ami hai fiducia. Quando hai paura ti assalgono i dubbi” (Osho)

Tutti desideriamo amare ed essere amati, ma “se il nostro cuore è chiuso, potrebbe passarci accanto persino Dio e non ce ne accorgeremmo“. Aprire il cuore ci fa sentire vulnerabili, scoperti, eppure solo a cuore aperto è possibile dare e ricevere amore.

Non è che ci manchino le occasioni, spesso ciò che non riusciamo a fare è tenere il cuore aperto, per accorgerci di esse. La vita ci offre costantemente opportunità, ma sta a noi coglierle, inizia tutto da noi, dalla nostra disponibilità ad aprirci e a tenerci aperti. Certo, una volta che il cuore è aperto, può raggiungerci non soltanto ciò che è bene per noi, ma tenendo salda la fiducia nelle nostre qualità e nella nostra capacità di discernimento possiamo scegliere per il nostro bene.

Cosa faremo durante il seminario

Entreremo nel tema dell’Amore in punta di piedi, con delicatezza, attraverso l’abbraccio del TangoOlistico®, una danza, una meditazione in movimento, uno strumento per la crescita personale, che ci consente di osservarci sia nell’atto del donare (parte attiva) che nel momento del ricevere (parte recettiva)”.

Scenderemo dalla testa al cuore, partiremo dal radicamento a terra, per poi praticare insieme la Hearth Chakra Meditation e, con il cuore un po’ più aperto, danzare insieme attraverso il TangoOlistico®.

“L’unico modo per andare oltre è passarci attraverso, l’Amore è l’unica cosa che valga la pena di fare”.

 

Conducono: Maria Calzolari e Massimiliano De Angelis

Necessaria prenotazione. Per le quote di partecipazione clicca quì